News

Chipotle continua a dire no, Marriot invece dice si

Il CEO del format di cucina messicana Chipotle ha ribadito il proprio no alla plant-based meat, mentre la catena Courtyard del gruppo Marriott lancia il Beyond Burger in 1000 bistro bar in Nord America

Brian Niccol, CEO di Chipotle, catena di Mexican Grill attiva anche in Francia e Germania, non lancia, ma anzi rilancia.

CHIPOTLE CONFERMA IL SUO NO ALLA CARNE VEGETALE

Se al suo diniego nel servire la carne vegetale di Beyond Meat nei ristoranti del format aveva addotto motivazioni di tipo “salutistico (il menù della catena consta di 15 ingredienti, mentre il Beyond Burger da solo ne conta 22), peraltro assolutamente plausibili, con la sua ultima dichiarazione, il CEO pare aver gettato definitivamente la maschera.

“La carne vegetale con aspetto e sapore uguale a quelli della carne vera non sarà un trend di lungo periodo”.

Chipotle quindi ribadisce di non credere nella carne vegetale, sintonizzandosi sulla medesima lunghezza d’onda del format Arby’s, seppur con motivazioni differenti,  prendendo quindi virtualmente le distanze da colossi quali McDonalds, Burger King e KFC che hanno recentemente ampliato la propria offerta con opzioni di plant-based meat.

Nel corso dell’intervista il CEO ha continuato ad associare i prodotti plant-based al mondo vegan, quando invece è ormai chiaro a tutti che tali prodotti vadano inquadrati nel flexitarianesimo, peraltro, in costante aumento.

Una dichiarazione che, stando ai numeri, appare assolutamente immotivata e incomprensibile ma ovviamente ognuno è libero di esprimere le proprie opinioni. Tale intransigenza, alla lunga, potrebbe davvero rivelarsi un boomerang.

“Solo i morti e gli stupidi non cambiano mai idea” diceva il letterato statunitense James Russel Lowell, vediamo se Chipotle correggerà il tiro.

MARRIOTT AGGIUNGE BEYOND MEAT AL MENU DEI SUOI BISTRO BAR

Decisamente più in linea con i trend di mercato attuali appare la scelta della catena Courtyard by Marriott. Riconoscendo come la domanda di alternative vegetali sia in costante aumento, il colosso dell’hotellerie lancerà dal 2 Ottobre, in 1000 bistro bar della catena, ben due prodotti di Beyond Meat:

  • Il Beyond Burger, che sarà servito ovviamente in un hamburger
  • Il Beyond Meat Crumbles, lo sminuzzato di manzo servito su un flatbread (simile alla schiacciata)

Tale annuncio rende Courtyard la prima catena di hotel al mondo a stringere una partnership con l’azienda californiana.

Non perdetevi il numero di Ottobre di Food Service, con una lunga e interessante inchiesta sul rapporto tra plant-based meat e ristorazione a catena.

Antonio Iannone

© Riproduzione Riservata